Accordo programmatico ITALIANO – triennio

ACCORDO PROGRAMMATICO RIGUARDANTE:

  • le competenze disciplinari su base modulare
  • le abilità disciplinari su base modulare
  • le conoscenze disciplinari su base modulare
a.s. 2018/2019 Dipartimento n. 1 Coordinatore: Lupini L.
ÉQUIPE DI ITALIANO
DOCENTI: Angeli A.
Becchetti V.
Bossi S.
Fagiani M.
Fiorucci R.
Monacelli L.
Nardelli G.
Pellegrini E.
Rampini N.
Sagrazzini S.
Scassellati T.
Vantaggi S.

TRIENNIO

COMPETENZE

TERZO ANNO QUARTO ANNO QUINTO ANNO
(primo anno secondo biennio) (secondo anno secondo biennio)  
Sapere: leggere e comprendere un testo;
adeguare le proprie conoscenze e abilità
linguistiche e testuali ai diversi contesti
comunicativi, nella produzione orale e
scritta;
Esporre contenuti, argomentazioni e punti
di vista in modo corretto.





Sapere: leggere, comprendere e decodificare un adeguare le proprie conoscenze
linguistiche ai diversi contesti
comunicativi;
utilizzare  le proprie conoscenze per
conoscere e comprendere la realtà;
esporre contenuti, argomentazioni e punti
di vista in modo appropriato.




Sapere: leggere, comprendere,
decodificare, rielaborare e contestualizzare un testo; adeguare le proprie
conoscenze linguistiche ai diversi contesti
comunicativi; affrontare tematiche e
problemi in una ottica unitaria e organica dei saperi, utilizzando le conoscenze
acquisite nei vari ambiti disciplinari;
leggere criticamente la realtà, assumendo un punto di vista autonomo e personale;
esporre contenuti, argomentazioni e punti di vista in modo efficace e critico, con
spunti di originalità

ABILITÀ

TERZO ANNO QUARTO ANNO QUINTO ANNO
(primo anno secondo biennio) (secondo anno secondo biennio)  
Sapere: esprimersi in forma corretta;
individuare gli elementi costitutivi di un
analizzare, sintetizzare e commentare  le
informazioni contenute in un testo, con
livello crescente di complessità in
relazione al percorso didattico; produrre 
testi corretti di vario tipo rispondenti a
diverse funzioni comunicative.

Sapere: esprimersi in forma corretta
appropriata; individuare gli elementi
costitutivi di testo; analizzare, sintetizzare e commentare le informazioni contenute
in un testo, con livello crescente di
complessità in relazione al percorso
didattico; produrre  testi corretti di  vario  tipo rispondenti a diverse funzioni
comunicative.
 
Sapere: esprimersi in forma  corretta, appropriata ed efficace; individuare gli
elementi costitutivi di un testo;
analizzare, sintetizzare e commentare in
modo critico le informazioni contenute in un testo, con livello crescente di complessità in relazione al percorso didattico;
produrre  testi corretti di vario tipo
rispondenti a diverse funzioni
comunicative.

CONOSCENZE

TERZO ANNO QUARTO ANNO QUINTO ANNO
(primo anno secondo biennio) (secondo anno secondo biennio)  
Conoscere: le linee essenziali della letteratura italianacon riferimento  alla  cultura  medievale ed umanistico-rinascimentale;
la Divina  Commedia, in particolare
l’Inferno; i caratteri specifici del testo poetico (poema e lirica) e narrativo (novella);
le  inee essenziali dell’evoluzione della
lingua, con riferimento al passaggio dal
latino all’italiano;
le tecniche di lettura del giornale e dei testi non letterari;
i linguaggi specifici dei vari generi
letterari.
Conoscere : le  linee  essenziali  della 
letteratura italiana con riferimento alla
cultura dal Seicento alla prima metà
dell’Ottocento; la Divina  Commedia,  in
particolare  il Purgatorio; i caratteri
specifici del testo poetico (poema e lirica), narrativo (novella e romanzo) e drammatico; le linee  essenziali dell’evoluzione
linguistica, con riferimento alla questione della lingua e alla sua soluzione; le
tecniche di lettura del giornale e dei testi non letterari; i linguaggi specifici dei vari
generi letterari.
Conoscere : le linee essenziali della letteratura italiana dall’Ottocento all’età contemporanea; la  Divina  Commedia,  in  particolare  il Paradiso; i caratteri specifici del testo poetico (lirica), narrativo (novella e romanzo) e drammatico; le linee essenziali dell’evoluzione linguistica, con riferimento alla questione della lingua e alla sua soluzione; le tecniche di lettura del
giornale e dei testi non letterari; i
linguaggi specifici dei vari generi letterari

METODOLOGIA

Lezione frontale e dialogata; discussione e problem solving; ricerca autonoma e/o di gruppo, anche finalizzata alla preparazione di lezioni rivolte al gruppo classe; lavori di gruppo; approccio operativo all’attività linguistica; didattica modulare; didattica per competenze; percorsi tematici modulari in una prospettiva pluridisciplinare. A giudizio del docente, si utilizzerà il 20% del monte ore annuale per il rinforzo disciplinare; possibilità di attivazione dello sportello dello studente.

STRUMENTI DIDATTICI E TEMPI DI LAVORO

  • Libri di testo e non;
  • riviste specializzate;
  • strumenti audiovisivi ed informatici;
  • testi classici;
  • dizionari;
  • quotidiani;
  • esperti;
  • visite guidate;
  • uscite didattiche;
  • viaggi d’istruzione.

I tempi di lavoro seguiranno la scansione modulare in relazione ai tempi di apprendimento.

STRUMENTI DI VERIFICA

  • Esposizioni orali;
  • test a risposte aperte e/o chiuse;
  • produzione scritta di varie tipologie testuali: analisi testuale, relazione, saggio, articolo di giornale, tema, riassunto e trattazione sintetica.
  • Simulazione Prove INVALSI secondo la nuova normativa prevista per gli esami di Stato 2018/2019.

Durata delle prove scritte: da 2 a 6 ore in relazione alla tipologia, tenendo conto che la Prima prova dell’esame di Stato è a carattere pluridisciplinare e che richiede per il suo svolgimento un tempo congruo. Numero delle prove: almeno 3 per periodo.

Si precisa che, quando la prova supera le 2 ore (prima prova), tutti gli insegnanti del Consiglio di classe sono tenuti a garantire la loro disponibilità oraria.

CRITERI DI VALUTAZIONE

Il voto, unico anche nella fase intermedia, sarà espressione di una sintesi valutativa che tenga conto della qualità della partecipazione, degli eventuali miglioramenti rispetto ai livelli di partenza, dell’interesse e dell’impegno oltre che della misurazione, attraverso le relative griglie, dei risultati conseguiti nelle singole prove disciplinari e pluridisciplinari.

Saranno utilizzate le griglie di valutazione per le prove scritte e orali e per le attività progettuali inserite nel PTOF; per prove specifiche saranno predisposte di volta in volta griglie ad hoc.

INTERVENTI DIDATTICO-EDUCATIVI INTEGRATIVI

Potranno essere attivati sportelli didattici e corsi di recupero individualizzati in base alle esigenze che emergeranno nel corso dell’anno.