Accordo programmatico BIENNIO ITALIANO

ACCORDO PROGRAMMATICO RIGUARDANTE:

  • le competenze disciplinari su base modulare
  • le abilità disciplinari su base modulare
  • le conoscenze disciplinari su base modulare
a.s. 2018/2019   Dipartimento n. 1 Coordinatore: Lupini L.
ÉQUIPE DI ITALIANO DOCENTI: Angeli A. – Becchetti V.-Fagiani M. – Matteucci T. –
Meniconi M. – Nardelli G.- Pellegrini E.– Ragni Calzuola L. – Rampini N. – Scassellati T. – Sereni L.R. – Vantaggi S.

PRIMO BIENNIO

COMPETENZE:Saper:
PRIMO ANNOLeggere, comprendere testi scritti di vario tipo;
utilizzare correttamente le strutture linguistiche fondamentali
nella produzione scritta e orale;
iniziare ad organizzare il proprio apprendimento, scegliendo e
utilizzando le informazioni;
individuare collegamenti e relazioni tra fenomeni ed eventi
diversi;
avviare lo sviluppo delle capacità di interazione con diversi tipi
di testo.
SECONDO ANNOLeggere, comprendere, interpretare e contestualizzare testi
scritti di vario tipo;
Padroneggiare le strutture linguistiche fondamentali nella
produzione scritta e orale;
Consolidare le strategie di apprendimento e il proprio metodo
di lavoro e di studio in funzione dei tempi;
Individuare   relazioni   tra   fenomeni   ed   eventi,   elaborando
argomentazioni coerenti e individuando collegamenti, anche
tra ambiti disciplinari diversi;
Contribuire all’apprendimento comune e alla realizzazione
dell’attività collettiva
ABILITA’:  Saper:
PRIMO ANNOComprendere  il  messaggio  di  un  testo  scritto  e  orale:
individuare dati e informazioni, fare inferenze, comprendere le
relazioni logiche interne;
saper strutturare testi di vario tipo coerenti, coesi e pertinenti;
produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi
comunicativi: paragrafare, parafrasare, riassumere cogliendo i
tratti informativi salienti, comporre brevi scritti su consegne
vincolate, comporre testi variando i registri e i punti di vista;
esporre in modo chiaro;
costruire   mappe   concettuali   e   altri   strumenti   utili
all’apprendimento.
SECONDO ANNOaffinare la comprensione del messaggio di un testo scritto e orale: Individuare  dati  e  informazioni,  fare  inferenze,  comprendere  le relazioni logiche interne;
potenziare la capacità di organizzare testi di vario tipo coerenti, coesi e pertinenti;
produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi:
paragrafare,  parafrasare, riassumere cogliendo  i tratti  informativi
salienti, comporre breviscritti su consegne vincolate, comporre testi variando i registri e i punti di vista;
esporre in modo corretto, chiaro, efficace ed esaustivo;
saper  elaborare  mappe  concettuali  e  altri  strumenti  utili
all’apprendimento.
CONOSCENZE:Conoscere:
PRIMO ANNOLe strutture morfo-sintattiche: ortografia, morfologia del verbo
e della frase semplice; testi pragmatici argomentativo e letterari (narrativi e/o poetici, in particolare tratti dal mito e dall’epica omerica e virgiliana); gli strumenti per l’analisi di vari testi, in particolare di quelli letterari.
SECONDO ANNOLe  strutture  morfo-sintattiche:  sintassi  del  verbo  e  della  frase complessa; potenziamento lessicale; testi  pragmatici (argomentativo, interpretativo, valutativo)  e letterari (narrativi e/o poetici);
in prospettiva storica, la nascita del volgare italiano e le origini delle letterature in volgare. Le varie tipologie testuali; gli strumenti per l’analisi dei vari testi, soprattutto di quelli letterari e in particolare de i Promessi sposi quale opera che somma la qualità artistica, il contributo decisivo alla formazione dell’italiano moderno

METODOLOGIA

Lezione frontale e dialogata; discussione e problem solving; ricerca autonoma; lavori di gruppo; approccio operativo all’attività linguistica; approccio alla didattica modulare; approccio alla didattica per competenze; percorsi tematici modulari in una prospettiva pluridisciplinare. A giudizio del docente, si utilizzerà il 20% del monte ore annuale per il rinforzo disciplinare; possibilità di attivazione dello sportello dello studente.

STRUMENTI DIDATTICI E TEMPI DI LAVORO

Libri di testo e non; riviste specializzate; strumenti audiovisivi ed informatici; testi classici; dizionari; quotidiani; esperti; visite guidate; uscite didattiche; viaggi di istruzione. I tempi di lavoro seguiranno la scansione modulare in relazione ai tempi di apprendimento.

STRUMENTI DI VERIFICA

Interrogazioni e colloqui; interventi brevi; test a risposte aperte e/o chiuse; produzione scritta di varie tipologie testuali: analisi testuale, relazione, testo argomentativo, tema, riassunto e trattazione sintetica; lavori di gruppo e di ricerca; prove strutturate sul modello di quelle proposte dall’INVALSI. Durata delle prove scritte: da 1 a 3 ore in relazione alla tipologia. Numero prove: almeno 3 per periodo. Si precisa che, quando la prova supera le 2 ore, tutti gli insegnanti del Consiglio di classe sono tenuti a garantire la loro disponibilità oraria.

CRITERI DI VALUTAZIONE

Il voto, unico anche nella fase intermedia, sarà espressione di una sintesi valutativa che tenga conto della qualità della partecipazione, degli eventuali miglioramenti rispetto ai livelli di partenza, dell’interesse e dell’impegno oltre che della misurazione, attraverso le relative griglie, dei risultati conseguiti nelle singole prove disciplinari e pluridisciplinari.

Saranno utilizzate le griglie di valutazione per le prove scritte e orali e per le attività progettuali inserite nel PTOF; per prove specifiche saranno predisposte di volta in volta griglie ad hoc.

INTERVENTI DIDATTICO-EDUCATIVI INTEGRATIVI

Potranno essere attivati sportelli didattici e corsi di recupero individualizzati in base alle esigenze didattiche che emergeranno nel corso dell’ anno.