Circ. n°43 Riammissione a scuola dopo assenza per malatia – PRECISAZIONI

Circ.n. 43

Prot. n. 14761 /1.1.h

AI GENITORI

AGLI STUDENTI

AI DOCENTI

AL DSGA

AL PERSONALE ATA

AL SITO WEB

Oggetto: riammissione a scuola dopo assenza per malattia  – PRECISAZIONI

 

Visto l’allegato n. 21 del DPCM 07/08/2020 come integrato dal DPCM del 07/09/2020;

Vista l’Ordinanza n. 55 della Regione Umbria del 22/09/2020 e le indicazioni operative allegate;

Vista la nota del Ministero della Salute n. 30847 del 27/09/2020;

Visto il DPCM del 07/10/2020;

In merito alle assenze per malattia degli studenti e della relativa certificazione medica,

si precisa quanto segue:

Qualunque assenza va giustificata tramite l’apposita funzione del Registro Elettronico “Libretto web” che permette di indicare anche eventuali annotazioni nello spazio a queste riservato, come già indicato nelle precedenti circolari.

In caso di sintomatologia riconducibile a Covid, che abbia determinato l’allontanamento di un alunno dalla scuola o la sua assenza dalla stessa, il Medico di Medicina Generale o il Pediatra di libera scelta,  valuterà se richiedere la esecuzione di tampone diagnostico. Successivamente si potranno verificare le seguenti situazioni:

  • Tampone positivo: il caso viene preso in gestione dal Servizio Igiene e Sanità Pubblica e la riammissione a scuola avverrà solo a seguito di scomparsa dei sintomi e due tamponi con esito negativo eseguiti a distanza di 24 ore. La relativa certificazione per la scuola verrà redatta dal Servizio Igiene e Sanità Pubblica. La riammissione a scuola sarà consentita solo dietro trasmissione di tale certificato medico attestante l’avvenuta guarigione con attestazione di nulla osta per rientro in comunità.
  • Tampone negativo: la certificazione per la riammissione a scuola viene redatta dal Medico di medicina generale (medico di base) che attesterà che “l’alunno può rientrare a scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico terapeutico e di prevenzione per Covid”. La riammissione a scuola sarà consentita solo dietro trasmissione di tale certificato medico.

In particolare si specifica quanto segue:

  • Se un alunno è convivente di un caso accertato di positività da covid-19, esso, su valutazione del Dipartimento di prevenzione, sarà considerato contatto stretto e posto in quarantena. Eventuali suoi contatti stretti (esempio compagni di classe dell’alunno in quarantena), non necessitano di quarantena, a meno di successive valutazioni del Dipartimento di Prevenzione in seguito a positività di eventuali test diagnostici sul contatto stretto convivente di un caso.
  • Se un alunno risultasse in contatto con una persona a sua volta in stretto contatto con un positivo al Covid-19, non vi è alcuna precauzione da prendere a meno che il contatto stretto del caso non risulti successivamente positivo ad eventuali test diagnostici disposti dal Dipartimento di prevenzione e che quest’ultimo abbia accertato una possibile esposizione.

In caso di diagnosi di patologia diversa da COVID-19, lo studente rimarrà a casa fino a guarigione clinica seguendo le indicazioni del Medico di Medicina Generale o del Pediatra di libera scelta.

Si segnala al riguardo che ai sensi della delibera n. 879 della Giunta Regionale del 02/08/2018 non è obbligatorio il certificato medico per il rientro in classe anche dopo 5 giorni di assenza, salvo casi di malattia contagiosa.

Si ricorda ai genitori l’osservanza del protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 a scuola con particolare riferimento ai seguenti punti:

  1. divieto portare a scuola il proprio figlio qualora lo stesso, o uno dei familiari conviventi, presentino temperatura oltre i 37,5° o altri sintomi simil-influenzali (febbre, tosse, cefalea, sintomi gastrointestinali, mal di gola, dispnea, dolori muscolari, rinorrea o congestione nasale) e l’obbligo, in presenza di tali sintomi, di contattare il proprio Medico di Medicina Generale o del Pediatra di libera scelta;
  2. presentarsi a scuola non appena si dovesse verificare la necessità di riprendere il proprio figlio/a a causa dell’insorgenza di sintomi simil-influenzali durante la giornata scolastica nonché garantire numeri telefonici a cui essere facilmente reperibili.

E’ indispensabile comunicare alla scuola il recapito, oltre che dei genitori, almeno di un’altra persona (con necessità di fornire delega al ritiro del minore). Almeno una di queste persone dovrà garantire la costante reperibilità durante l’orario scolastico.

Si raccomanda comunque l’arrivo del genitore o di un delegato nel più breve tempo possibile.

N.B. Eventuali variazioni da parte del Ministero dell’Istruzione e/o del Ministero della Salute saranno comunicate tempestivamente.

Gubbio 08/10/2020

f.to IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dott.ssa  Maria  Marinangeli

firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi

dell’art.3, comma 2 del D.lgs.n°39 del 1993

link al documento